Essere Introversi

Oggi su Huffington Post ho trovato un articolo che con poche vignette cerca di spiegare l’introversione.

Per quello che posso dire a riguardo è che in gruppo non mi sono mai sentito a mio agio, in gruppo smetto di esistere ed esisto solo nei rapporti di una o due persone.

Una persona come me introversa non ha bisogno di stare in mezzo a molte persone o grossi gruppi di amici, a volte ne bastano più di due perchè si fa sentire il mio isolamento e la mia mancata presenza.

Molti si sentono a proprio agio in mezzo a molte persone, per me o per quelli come me è l’esatto contrario, per vivere situazioni di gruppo devo avere una parte isolata che si isola con me, oppure quando devo conoscere qualcuna ho bisogno che non ci siano altre persone intorno a me, molto disagio va via e sono molto più sincero e coraggioso.

Nelle vignette compare che gli introversi o me stesso difficilmente reggono alle feste e lo stress dopo un po’ diventa enorme e insostenibile fino a scappare dalle feste e tornare in solitudine molte volte senza punti di riferimento.

Nelle situazioni in cui ho vissuto in solitudine con ragazze ho costruito qualcosa, nelle altre situazioni invece distruggo invece che costruire, credo che se voglio costruire qualcosa ho bisogno di puntare su questa introversione e cercare situazione come già sapevo in cui il gruppo non esiste, dove esistiamo solo io e lei.

Scrivere è la mia unica arma come per molti introversi, ma se dovessi esprimermi in gruppo da me non uscirebbe ne una parola ne una lettera, o forse se non ci sono ambizioni che mi portano alla follia….

Tags: , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento