Forse Non Siamo Fatti L’ Una Per L’ Altro

broken_heartQueste parole sono le parole che mi sono più rimaste impresse da Silvia Bet.

Quando ci vedevamo eravamo soliti amoreggiare in piazzetta in auto in confine con Parma, ero talmente preso da lei che non riuscivo a controllare il mio desiderio sessuale che avevo con lei. 

Tra noi non c’era fiducia reciproca e nonostante ciò il desiderio sessuale e la mia idea che avevo di lei mi spingeva a cercarla e desiderarla oltre ogni limite confondendo l’ incapacità e la non dignità con la non compatibilità tra persone.

L’ultima sera che ho amoreggiato con lei a forza di sentirmi strusciati i i suoi slip che non voleva cavarli con i miei decisi di provare affondare il colpo e strappare quei dannati slip che non sopportavo più avere come ostacolo.

Nel momento in cui cercavo di impuntarlo lei era molto passiva e forse impaurita mi accorsi che mi faceva male tirare indietro la pelle dal mio pene e quando iniziai  a sentire dolore in quel momento forse impaurita mi disse che non eravamo forse fatti l’uno per l’altra.

Mi ero sentito come fortemente ferito e in quel momento tutta la mia virilità era diventata la vergogna di me stesso.

Ci eravamo rivestiti, lei si era tranquillizzata e siccome lei sapeva della mia passione degli abiti femminili mi disse che quello che indossava era lino e se lo volevo toccare, mi sentivo come disprezzato e umiliato.

Non mi ricordo quando ma la telefonata seguente mi diceva che si era sentita come violentata, io mi ero sentito in colpa e ho cercato di mandare giù anche questo ma non riuscivo più a mandare più nulla.

Non mi fidavo più di lei non ci frequentavamo come desideravo non mi mostrava l’interesse che volevo e la sua preoccupazione era che il suo non sentirsi compatibile a me era perchè non voleva figurare come una v…a non fece che farmi perdere la mia dignità e accrescere il mio rancore e così fu.

Il giorno che feci la visita per la circoncisione era venuta all’ospedale, aveva trovato una scusa per non essere baciata non so cosa era venuta a fare, dopo parti per un viaggio e da li si ruppe ogni cosa, io non so se il suo rifiuto era solo incompatibilità o c’era altro dovuto alla anoressia, era dimagrita molto ma tutto questo forse oltre a devastare me devastò anche lei.

Quello che per me è difficile è che essendo consapevole di avere delle difficoltà che a volte mi tolgono le mie capacità e la mia dignità diversificare ciò che è incompatibile da quello che è un rifiuto più difficile da affrontare, quello dovuto ai limiti che molte volte mi hanno tolto gioia di vivere e dignità.

Questa difficoltà esiste anche oggi e proprio da questa difficoltà che diventa difficile essere se stessi e sinceri difronte al prossimo perchè quando sei consapevole di questo quello che viene istintivo è nascondere quello che non va di se a tutti quelli che si desiderano con i quali condividere se stessi e la propria vita.

Non sono guarito da questa modalità perchè questo in me è ancora presente e ancora fortissima ma molto meno di allora.

 

Tags: , , , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento